Home
La Giostra oggi La Giostra nel tempo I protagonisti della Giostra L'Istituzione La Giostra e la Città La Bibliografia

La storia
   Una storia secolare
   Sei agosto 1535
   Ventuno maggio 1593
   Sei dicembre 1677
   Quindici agosto 1810
   Sette agosto 1931
   Dal 1931 ad oggi
L'album forografico
L'albo d'oro
I testi
Sei agosto 1535

Il primo documento aretino che ricordi la Giostra del Saracino risale al 6 agosto 1535, ma il giuoco ha certamente radici più antiche. A confermarcelo è la concisione stessa con cui i registri pubblici riportano la decisione delle autorità cittadine (priori, collegi e conservatori) di giostrare "ad burattum" la domenica successiva, per solennizzare la festa del martire Donato, patrono e protettore di Arezzo. Il premio da dare al vincitore è un palio di raso violaceo della lunghezza di otto braccia, per il cui acquisto vengono stanziate 25 lire. Altre testimonianze di giostra risalgono al 1536 e al 1556 quando, tramite l'effettuazione del torneo, si pensa di onorare la visita dei duchi di Firenze, Alessandro e Cosimo I.

fonte: "Arezzo una cittą, una storia:
la giostra del Saracino"
Piero Vannuccini - Luca Della Nesta